Rimuovere Tatuaggi

Il laser Q-switch costituisce l’unico strumento in grado di eliminare i tatuaggi senza lasciare esiti cicatriziali indesiderati e ha rivoluzionato il trattamento degli stessi; infatti il pigmento dei tatuaggi è situato nel derma reticolare e qualsiasi altre a metodica diversa dal laser q-switch può essere in grado di indurre cicatrice.

Rimuovere tatuaggiSi sconsiglia si cercare di rimuovere i tatuaggi con metodiche ormai superate quali la dermoabrasione o la salabrasione. Si sconsiglia inoltre di evitare i laser non selettivi, quali il CO2 o l’erbium.(si vedano le foto dei risultati!) anche se queste metodiche, indubbiamente, forniscono risultati più rapidi rispetto a quelli del q-switch.

Allo stesso modo sedicenti tecniche di introduzione di sostanze nel derma profondo atte ad eliminare il pigmento, oltre ad essere pericolose per il rischio di reazione allergica, non garantiscono l’assenza di esiti cicatriziali. Solo nel caso di soggetti che abbiano presentato reazioni allergiche i pigmenti il trattamento con laser q-switch risulta controindicato.

I granuli del pigmento di un tatuaggio possono avere localizzazione extra o intracellulare (fibroblasti). Questa evenienza è più frequente nel caso dei tatuaggi professionali. In questo caso, più il tatuaggio è vecchio maggiore sarà il numero delle sedute laser necessarie per rimuoverlo.

Rimuovere tatuaggi Laser

Rimuovere tatuaggi LaserIl meccanismo con sui il laser q-switch agisce sul tatuaggio non è un meccanismo termico ma fotomeccanico; i depositi di pigmento vengono frammentati mediante impulsi di potenza molto elevata ma di breve durata senza effetti termici sui tessuti circostanti. Le particelle più piccole che si formano si disperdono nel derma e sono poi rimosse per fagocitosi.

La rimozione di un tatuaggio tuttavia non si prospetta come una cosa breve causa delle diverse variabili in gioco costituite dal numero dei colori, dalla profondità del pigmento e dal suo tempo di permanenza. L’applicazione del laser produce un caratteristico sbiancamento con possibile reazione purpurica; nel giro di 7-10 gg si osserva la completa risoluzione con assenza di esiti atrofico cicatriziali.

Vantaggi rimozione tatuaggi Laser

I vantaggi fondamentali sono costituiti dalla assenza di anestesia (anche se spesso è opportuno utilizzare una crema anestetica topica) dai tempi brevi di guarigione e dalla mancanza di esiti cicatriziali.

L’inconveniente dal fatto che non basta una sola seduta e non si è in grado di sapere a priori il numero di sedute necessarie anche se è noto che il tatuaggio amatoriale risponde più rapidamente di quello professionale e che il tatuaggio di vecchia data potrebbe avere più problemi in quanto il pigmento può depositarsi col tempo nel derma più profondo.

Pertanto la durata complessiva di un trattamento non è prevedibile e neanche le dimensioni di un tatuaggio possono in qualche modo lasciarla supporre; piuttosto la profondità del pigmento.

In ogni caso ogni tatuaggio fa storia a se in quanto le componenti in gioco sono estremamente varie e dipendono oltreché dal tipo da inchiostro e dal modo in cui è stato iniettato anche dalle capacità immunitarie del singolo paziente.

Diverso è il caso in cui voglia semplicemente schiarire un tatuaggio per eseguirne un altro in questo caso possono bastare anche solo una o due sedute a seconda del giudizio del tatuatore.

La cute del soggetto da trattare non deve essere abbronzata; inoltre il soggetto non deve aver assunto retinoidi per via orale nei dodici mesi precedenti al trattamento. Molto importante è anche l’anamnesi per herpes simplex e per cheloidi. In ogni caso soprattutto nelle zone più a rischio è opportuno eseguire terapia preventiva con gel siliconico.

Al termine la cute andrà protetta con medicamento occlusivo fino a completa riepitelizzazione. I trattamenti successivi si rieseguono a 6 – 8 settimane di distanza.

Laser Rimozione Tatuaggi

I laser che vengono utilizzati sono in pratica solo laser Q-switch e sono il rubino, l’alexandrite, Nd : yag 532 e Nd:yag 1064. Quest’ultimo funziona bene nei tatuaggi di colore nero e nero/blu ed è indicato particolarmente nei soggetti di carnagione scura. Il QS Nd:yag 532 va molto bene nell’inchiostro rosso, arancio e alcuni viola. Il QS alexandrite è molto indicato nella rimozione dei tatuaggi di colore verde. Il Q S ruby laser è attivo sul colore nero e blu, può dare più facilmente ipopigmentazione e iperpigmentazione. Con la lunghezza 1064 si ottengono buoni risultati sui tatuaggi neri e blu in circa 4-5 sedute sia nei tatuaggi amatoriali che in quelli professionali .Per i tatuaggi di colore rosso si utilizza la lunghezza d’onda di 532 che si è dimostrata di gran lunga la migliore. Per il colore verde si può utilizzare solo l’alexandrite . Quest’ ultimo comunque è efficace anche nei tatuaggi blu e neri.

I laser q-switch sono anche molto utili nel rimuovere il pigmento in caso di pigmentazione cosmetica.(tatuaggio permanente). Valgono gli stessi concetti già enunciati per i tatuaggi non cosmetici. In particolare, si segnala per i tatuaggi di colore rosso la possibilità di viraggio di colore, dovuto alla trasformazione di ossido ferroso in ossido ferrico.

Nella maggior parte di casi, tuttavia, il pigmento scuro sparisce con i successivi trattamenti laser. Bisogna ricordare che varia la riflessione dei singoli pigmenti in rapporto alla lunghezza d’onda. Minore la capacità di riflessione, maggiore è quella di assorbimento.

Segnaliamo la disponibilità di un nuovo centro disponibile nella sezione rimuovere tatuaggi Milano del portale dedicato alla rimozione dei tattoo.

Questo articolo è già stato letto 6699 volte! Condividilo e aiutaci a renderlo popolare!

Lascia un commento