Peeling e Laserpeeling

Perché sono utili i peeling? Il Peeling, cioè l’esfoliazione del viso è una metodica utile per rendere la pelle più luminosa, più pulita e per ridurre i segni dell’invecchiamento cutaneo.

I meccanismi con cui agiscono i Peeling si possono così riassumere:

  • rimozione dello strato corneo;
  • distruzione e asportazione e specifica di strati epidermici e dermici con conseguente rigenerazione del tessuto normale;
  • induzione di una reazione infiammatoria a livello del derma con stimolazione di produzione di collageno e di sostanza fondamentale.

Pertanto i Peeling si distinguono in:

  • superficiali o molto superficiali se sono intraepidermici;
  • medi se arrivano alla giunzione dermoepidermica e a parte del derma;
  • profondi se arrivano al derma reticolare.

MENO peeling PIU’ LASER

PeelingLo scopo del Peeling può essere dunque diverso a seconda delle sostanze utilizzate: dal semplice refreshing (con asportazione dello strato corneo) alla esfoliazione di tutta l’epidermide (per eliminare le lentigo) al peeling medio e profondo con interessamento del derma per eliminare le rughe.

Di tutte le sostanze utilizzate, l’Acido Glicolico è sicuramente quella più conosciuta.Essa viene generalmente utilizzata dall’estetista a concentrazioni fino al 40% mentre l’uso dello stesso al 70 % è di stretta pertinenza del medico. L’effetto dell’acido glicolico è tempo-dipendente; se non viene neutralizzato, l’acido glicolico può determinare la formazione di croste.

Esistono poi Peeling con altre sostanze quali la soluzione di Jessner, l’acido salicilico, l’acido tricloroacetico.

Con la prima si può graduare l’intensità della esfoliazione a seconda degli strati applicati; è un peeling molto “fine” e utile nei soggetti con numerose “macchie” sul viso.

L’acido salicilico è una sostanza molto usata per l’acne determina una pulizia del viso molto energica e rappresenta un presidio molto valido in abbinamento alle cure locali e generali per l’acne. L’esfoliazione che esso determina consente comunque di continuare a svolgere vita sociale. Normalmente si utilizzano concentarzioni fino al 15% per l’acne comedonica e fino al 30% per l’acne papulopustolosa.

Il Tca

Il Tca viene usato generalmente in gel al 15 e al 25% per eseguire peeling superficiali, comunque molto utili e con un aggressività limitata. Peeling ripetuti col tca possono sostituire in parte peeling più aggressivi. Con il Tca si può arrivare anche oltre la barriera dermoepidermica fino al derma papillare ottenendo un peeling medio; si tratta di procedure che richiedono una buona compliance del paziente. Le rughe perioculari e perilabiali possono trarre vantaggio da peeling medi ripetuti .

Un concetto nuovo è quello dei peeling multilivello: si tratta sempre di peeling superficiali, in cui, in una stessa seduta vengono applicate più sostanze. Lo scopo è quello di potenziare l’azione del peeling e di diversificarla in rapporto allo scopo del peeling stesso.(antiaging, schiarente, antiacne)

I peeling chimici profondi ( in grado cioè di arrivare al derma reticolare) sono sempre più sostituiti dal laser resurfacing, ma sicuramente più preciso. Viene usato generalmente il fenolo.

Un concetto importante è che il peeling (tranne che nel caso del peeling profondo) non può essere un evento occasionale ma va comunque ripetuto periodicamente. Esso va sempre preparato prima con agenti esfolianti quali acido retinoico e glicolico i quali andranno continuati tra un peeling e l’altro. Fondamentale sarà anche la protezione solare. Il peeling è solo una parte di un programma più generale di cura del viso. Molto importante in un programma di ringiovanimento cutaneo è la terapia domiciliare.

Un peeling di introduzione più recente è quello con acido piruvico. La caratteristica di questo peeling è che esso determina una esfoliazione quasi impercettibile, dando però degli ottimi risultati sia nel l’acne che nel photoaging. La mancanza di esfoliazione, unita al netto miglioramento di tramatura cutanea, è molto gradita al paziente.

Peeling Viso

Peeling VisoI peeling medi per il miglioramento delle rughe possono essere abbinati con il riempimento delle rughe stesse.

Sul viso i campi di applicazione dei peeling superficiali sono comunque numerosi: cute seborroica e acne comedonica, rughe superficiali, iperpigmentazioni, melasma. I peeling sono in grado di ridurre (effettuando più sedute) le rughe perilabiali; possono essere utilizzati anche per la eliminazione delle lentigo, anche se la metodica più moderna e sicura rimane in questo campo quella del laser q-switch.

Peeling Mani

Peeling maniI peeling possono essere effettuati anche in zone diverse dal viso ad esempio sulle mani per migliorare la tramatura e ridurre le iperpigmentazioni o sul tronco per le cicatrici di acne. In questi casi si effettua sempre una preparazione con acido retinoico e schiarenti.

Tuttavia l’avvento dei nuovi laser frazionati (in particolare l’erbio frazionato) rende il peeling chimico una metodica di tutto rispetto ma francamente obsoleta nel trattamento delle rughe. Gli stessi peeling superficiali possono essere sostituiti dai più sicuri e sofisticati laserpeeling.

Questo articolo è già stato letto 1919 volte! Condividilo e aiutaci a renderlo popolare!

Lascia un commento